SOS Dune. Stato, problemi, interventi, gestione

Il giorno 23 ottobre c.a., presso l'Auditorium di ISPRA (via Curtatone, 7 - Roma), si terrà  il convegno in oggetto, organizzato congiuntamente da ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale - Dipartimento Difesa della Natura - Servizio Parchi e Pianificazione Territoriale) e da CATAP (Coordinamento delle Associazioni Tecnico-Scientifiche per l'Ambiente e il Paesaggio).
Gli interventi previsti riguarderanno, da una parte, l'attuale situazione dei residui sistemi dunali italiani, per gli aspetti relativi all'erosione, all'antropizzazione e in genere ai rischi geoambientali cui sono soggetti; dall'altra, la presentazione di alcuni interventi realizzati in Italia, di proposte e suggerimenti per una gestione razionale ed ecocompatibile del bene, al fine della previsione, prevenzione e mitigazione degli impatti cui sono soggette le coste basse sabbiose.
In particolare, verrà  illustrato il funzionamento della banca dati SARA (Sistema Agenziale e Risanamento Ambientale) realizzata da ISPRA, al fine di fornire uno strumento operativo necessario alla conoscenza prima e all'utilizzo poi delle specie autoctone italiane in opere di risanamento e rinaturazione degli ambienti dunali.
Nell'ambito del suddetto evento verrà  presentato e distribuito il Rapporto tecnico ISPRA: €œIl ripristino degli ecosistemi marino costieri e la difesa delle coste sabbiose nelle Aree protette€.
Gli atti del convegno saranno pubblicati sulla rivista della SIGEA €œGeologia dell'Ambiente€.
Per i geologi è stato richiesto il riconoscimento dei crediti formativi APC.


Per il giorno successivo al Convegno, il 24 ottobre alle ore 10:00, è stata programmata, in collaborazione con AIAT €“ Associazione Ingegneri per l'Ambiente e il Territorio, un'escursione didattica alla Riserva Naturale Lago di Burano, da raggiungere autonomamente, al prezzo di 6 ‚¬ per visitatore, da pagare in loco. La visita è guidata e si svolge lungo il cordone sabbioso (tombolo) che divide il mare dalla zona umida. Il percorso è di circa 2 Km, totalmente in piano e di facile fruizione. La durata è di circa 2 ore: verranno illustrate le caratteristiche ambientali e identificate le piante, gli uccelli, gli invertebrati ed anche le tracce lasciate dai mammiferi. Si prega di confermare la partecipazione all'inizio dei lavori congressuali, al fine di garantire un numero minimo di partecipanti, pari a 15. In caso di pioggia l'escursione sarà  annullata.
L'Oasi è situata nella Maremma meridionale, nel comune di Capalbio (GR), frazione Capalbio Scalo. Si può raggiungere dalla S.S. Aurelia, prendendo il bivio per Marina di Capalbio al Km 133, oppure in treno, comodissimo, scendendo alla stazione ferroviaria di Capalbio Scalo (linea Roma - Genova): in pochi minuti si raggiunge il centro visite, lungo la Strada Litoranea.

Convegno ISPRA-CATAP ''SOS DUNE''

Fonte:


Clicca qui per vedere tutte le notizie di questa categoria

AIAT è la migliore piattaforma per chi cerca e per chi offre lavoro per i professionisti dell'ambiente